Il Territorio

Santa Margherita di Pula: dai culti pagani al cristianesimo

La località di Santa Margherita di Pula, famosa per le sue incantevoli spiagge, è stata per secoli un centro culturale e religioso di spicco nel panorama sardo.
Dall'età nuragica fino ai giorni nostri, infatti, in questo piccolo lembo di terra sono stati edificati alcuni monumenti pagani e cristiani di particolare interesse storico e architettonico.

I luoghi di culto pagani

Il nuraghe Sa Perda Bianca, di cui oggi rimangono poche tracce, è il più antico luogo di culto pagano presente a Santa Margherita di Pula. Certamente più noto è invece il Tempio di Esculapio, edificato dai romani intorno al III secolo a.C. nell'antica città di Nora, a poca distanza dall'odierna Santa Margherita di Pula. Nello stesso sito si possono inoltre ammirare le rovine del tempio cartaginese di Tanit, costruito a sua volta con alcuni blocchi di pietra provenienti da un complesso nuragico preesistente.

La chiesa di Santa Margherita

La chiesa di Santa Margherita è oggi il principale luogo di culto cristiano presente nell'omonima località in provincia di Cagliari. Edificata nel 1959, nasconde all'interno del suo campanile a vela un'antica campana seicentesca, ereditata probabilmente da un precedente struttura di cui, purtroppo, non rimangono altre testimonianze.

Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.